La nostra storia

La nostra è chiaramente una storia di mare, ma anche di passione, una passione che non lascia scelte, anzi comanda, obbliga e ti porta lontano.

All’inzio le crociere mediterranee, le regate, e infine la prima traversata atlantica, la prima regata atlantica, le prime miglia fuori dal Mediterraneo, scoprire lo spazio immenso dell’oceano, un luogo dove il tempo non ha più valore. Era il 1992, la barca era L’Umbros, e io scoprivo dove volevo vivere.

Poi la Regina del Mare e le traversate per Luciano e il C.V.A., imparare un mestiere.

Quindi Il Mai Stracc, una barca favolosa, piccola ma con un grande cuore, ancora traversate atlantiche, associarsi con il C.S.O., inverno ai Caraibi, estate in Sardegna, l’incontro con Chicca e la decisione di andare un po’ più in là.

Nel 2002 abbiamo passato Panama e ci siamo persi in Pacifico, un oceano incredibile che ci ha mostrato un mondo in parte ancora integro.
La prima traversata a 40 sud, i Quaranta Ruggenti, per tornare dalla Nuova Zelanda alla Polinesia francese, che non voleva e non vuole uscire dal nostro cuore.

Tante isole, tanti incontri, e tante tante partenze, a volte tristi, ma una volta in mare non ci siamo mai voltati indietro per la gioia di essere di nuovo in navigazione, di avere la prua rivolta verso la prossima isola, in una continua ricerca di cosa non so, ma comunque già cercare non è male. Poi in fondo si può sempre tornare e spesso un ritorno in una piccola isola è una festa e un appuntamento, con la nostra storia, con i nostri amici.
Infine, credo che sia proprio questa ricerca del “cosa non so” che ci ha portato un po’ più in là.

Nel 2007 in Tahilandia abbiamo deciso di andare a cercare il ghiaccio, così è nato uno dei nostri viaggi più belli, prima Singapore, poi Hong Kong quindi il Giappone, dove abbiamo ricevuto il più caloroso benvenuto della nostra vita in navigazione, quindi 42 giorni di mare per… per arrivare in Alaska e rimanere stregati dalla vela d’alta quota.

Dal freddo al deserto, la prua del Mai Stracc a sud, prima San Francisco poi la Baja California, con i suoi tramonti incredibili, i cactus e i colori delle sue isole, mai uguali, cangianti con il cambiare della luce del sole, le balene e i bagni con i leoni marini.

Mai Stanchi, come dice il nome della nostra barca, ripartiamo per un ritorno, un ritorno in Polinesia e per preparare un nuovo viaggio importante. Era il 2009, l’anno dei miei 40 anni e allora perchè no… 40 anni, 4000 miglia, 40 Sud, un sacco di quattro che mi sembravano di buon auspicio; così, dopo la stagione, parto in solitario da Tahiti per la Patagonia. Le miglia sono state 4700, i giorni 43, la traversata più emozionante della mia vita.

A Puerto Mont Chicca torna in barca e prua a sud verso Capo Horn, poi un inverno a Ushuaia e il viaggio più bello, più difficile anche da raccontare, L’Antartide a vela, l’Antardide con il Mai Stracc. 600 miglia a sud di Capo Horn, in mezzo al ghiaccio, abbiamo scoperto che tutto questo non basta raccontarlo…
Poi ancora mare, prua a nord, Brasile, Caraibi, New York, Nuova Scozia, tre stagioni su una barca grossa, di nuovo Polinesia e di nuovo Alaska, ora Durlindana.

Questa la nostra storia, la nostra vita.

Il viaggio del Mai Stracc non è terminato, non terminerà, ma ora è il momento di Durlindana, è il momento di ripartire, con lo stesso entusiasmo e la stessa passione di sempre.

Buon Vento a tutti e benvenuti a bordo.

Andrea e Chicca

 

Cosa facciamo e perchè

Navighiamo, navighiamo tanto, ma non solo traversate, anche crociere, crociere adatte a chiunque, dal più esperto, al neofita, sempre e comunque con lo spirito che ci distingue.

Venire a bordo con noi è condividere un momento del nostro viaggio in posti un po’ diversi, un po’ più nascosti; l’idea è cercare di mostrare il mondo che vediamo dalla nostra barca, gli incontri, gli amici, la nostra vita.

Durlindana è una barca a vela, una vera barca a vela, a bordo si è incentivati a partecipare a tutte le manovre, alla gestione della barca, a comprendere il perchè delle decisioni e delle scelte di navigazione, ma anche solo per il piacere di essere a bordo di una barca splendida.

Abbiamo deciso, dopo più di 25 anni di mare, di lanciarci in questo nuovo progetto, perchè abbiamo tanta energia e tanta voglia di far scoprire angoli del nostro mondo che ancora non sono stati stravolti da un turismo, che, per dirla alla Terzani, non rientrano nel circuito di questa enorme Disneyland che si vorrebbe divenisse la nostra terra.

Ho scritto due libri raccontando come viviamo, cosa vediamo. Forse era arrivato il momento di condividere queste incredibili esperienze.

Vi aspettiamo per condivedere con voi un momento di questo viaggio straordinario che è la vita.

Chi siamo

Siamo Chicca e Andrea, due persone normali, ma estremamente fortunate. Ci siamo incontrati e abbiamo avuto la fortuna di poter vivere la nostra vita come vogliamo viverla, e come abbiamo sognato di viverla.

Può sembrare banale, ma non lo è. Probabilmente siamo una dellle coppie con più esperienza di navigazione che ci siano in Italia, ma non è tanto questo che ci contraddistingue, quanto la passione che abbiamo e la gioia che questa vita continua a darci. A prua c’è sempre una nuova isola, un nuovo orizzonte e non vediamo l’ora di scoprirli, magari insieme a voi.